La paura ed una palla ai piedi


C’è una forza che è l’opposto della fluidità di cui sono in cerca. La vita non scorre più ed ogni cosa diventa complicata. Sistema economico e spese: un prezzo per ogni cosa che si fa’ ed un unica soluzione per ricaricare: il lavoro, una condanna della libertà? Non lo capisco questo mondo, forse non capisco in pieno me stesso e questa vita, le decisioni e le leggi di madre natura che da naturali si trasformano in raffinate, artificiali.

La paura è una palla ai piedi che m’impedisce di camminare e di danzare a ritmo di musica, di godere della vita. E’ quel lato oscuro delle cose là fuori, di quella che chiamano realtà.

Qualche psicologo sostiene che la realtà dipende da che punto di vista e da che posizione la guardi… ma io ho l’impressione che qualcuno abbia creato il business anche dei posti. Solo pochi privilegiati hanno accesso alla libertà economica che, molto spesso ti arricchisce di libertà potenziale sulle cose che puoi fare ma ti toglie in salute e in tempo da dedicare alle cose che ti piacerebbero oppure la mente resta sempre impegnata sui problemi che sono difficili da lasciare andare. Il sistema economico è come un mare che s’inquina di petrolio: è difficile dimenticare o ignorare il male che sta distruggendo casa tua. La paura di ciò che sta fuori, la freddezza dell’assenza dei rapporti… questo è il lato oscuro di oggi che mi viene a trovare in una giornata di sole e di sogni che non smetto mai di fare.

Share



  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *